Pilotare motori lenti (Conrad, Tortoise...)
Motori a medio-alta potenza (sopra 30mA)

Il circuito precedente ha il grosso inconveniente di dissipare sulla resistenza che ha l'uscita attivata anche senza nessun carico. Infatti quando un'uscita e' attivata (transistor interno al decoder "chiuso") scorre nella resistenza una  corrente che e' data dal rapporto tra la tensione di alimentazione e il valore della resistenza stessa.
Un circuito ottimizzato usa per fare la stessa funzione delle resistenze variabili (transistor) che possono essere modulate con il comando del decoder stesso. Quando un transistor deve pilotare il motore questo e' un corto circuito mentre l'altro transistor e' aperto e non dissipa nessuna potenza, la corrente del motore "ritorna" verso GND attraverso un semplice diodo 1N4148 o piu' grande (1N4001).






Vediamo la cosa in un altro modo: Le resistenze non devono piu' polarizzare il motore direttamente ma la base di un transistor, quindi la corrente che deve scorrere nelle resistenze stesse e' minore di un fattore circa 100 (Beta, hFE o gudagno statico del transostor). Se la corrente e' inferiore di in fattore 100 la dissipazione lo sara' di un fattore 10000 e non ci saranno piu' problemi di dissipazione di potenza "statica" e si potranno pilotare anche motori potenti in maniera continuativa. Un valore per resistenza R e' 4.7KOhm, il diodo e' un 1N4148 e il transistor un 2N2222 o qualsiasi altro tipo equivalente.

I settaggi delle CV rimangono gli stessi dell'esempio per motori a bassa corrente.



Motori a bassa potenza (sotto 30mA)

Il pilotaggio di motori lenti e' di particolare interesse modellistico dal momento che questo tipo di motori permette un azionamento molto realistico ed affidabile degli scambi. Questi motori consumano di solito poche decine di milliampere e riescono a muovere lo scambio in circa un secondo. Il loro pilotaggio da parte del decoder necessita di un circuito per ricreare una tensione bipolare ai capi del motore stesso.
Il primo circuito presentato permette di fare questa cosa con 2 semplici resistenze:



Questo circuito, per funzionare correttamente, deve avere una sola uscita attiva per volta. Un valore tipico per la resistenza e' 220 Ohm che permette di avere una caduta nella resistenza "inattiva" di circa 3.3V per assorbimenti di 15mA del motore. In questo modo con 15VDC di alimentazione si avranno 12V sul motore e una dissipazione sulla resistenza dell'uscita attivata di (15^2)/220 = 1W, non compatibile con un azionamento continuo ma solo con un azionamento temporaneo di alcuni secondi e poi con una fine dell'impulso di attivazione.

Le CV da settare in sequenza sul decoder per accessori saranno le seguenti:
(consideriamo che il motore impieghi 3 secondi per fare tutto il movimento e che il motore sia connesso alle uscite 1 e 2)

CV33 = 3   (configurazione automatica per uscite mutuamente esclusive, con azionamento temporaneo)
CV39 = 15 (base dei tempi per tutte le azioni a 15ms)
CV3 = 200 (impulso della durata di 200*15ms=3sec per le uscite 1 e 2)

Si veda il post opportuno per l'azionamento degli accessori con Intellibox o Multimaus.